Riconfermata la Nuova Sabatini per i Beni Strumentali

Data: 27-07-2021

40 beni 2

 Agevolazione Beni Strumentali (“Nuova Sabatini”)

Dallo scorso 2 luglio è stato riaperto lo sportello della misura Nuova Sabatini per richiedere le agevolazioni a sostegno degli investimenti produttivi delle piccole e medie imprese attraverso l'acquisto di beni strumentali.

Le nuove istanze possono essere oggetto di richieste di prenotazione presentate dalle banche o dagli intermediari finanziari a partire dal mese di agosto 2021.

Cos’è

La misura Beni strumentali (“Nuova Sabatini”) è l’agevolazione messa a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico con l’obiettivo di sostenere gli investimenti per l’acquisto in leasing di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali ad uso produttivo e hardware, nonché software e tecnologie digitali.

A chi si rivolge

Possono beneficiare dell’agevolazione le micro, piccole e medie imprese (PMI) che alla data di presentazione della domanda siano regolarmente costituite e iscritte nel Registro delle Imprese e che non si trovino in condizioni tali da risultare imprese in difficoltà.

Cosa finanzia

I beni devono essere nuovi e riferiti alle immobilizzazioni materiali, nonché a software e tecnologie digitali. Non sono in ogni caso ammissibili le spese relative a terreni e fabbricati, relative a beni usati o rigenerati, nonché riferibili a “immobilizzazioni in corso e acconti”. Gli investimenti devono soddisfare i seguenti requisiti:

  • autonomia funzionale dei beni, non essendo ammesso il finanziamento di componenti o parti di macchinari che non soddisfano tale requisito;
  • correlazione dei beni oggetto dell’agevolazione all’attività produttiva svolta dall’impresa.

La misura dell’agevolazione

L’investimento può essere interamente coperto dal leasing. Il contributo del MISE è determinato sulla base degli interessi calcolati, in via convenzionale, su un finanziamento della durata di cinque anni e di importo uguale all’investimento, ad un tasso d’interesse annuo pari al:

  • 2,75% per gli investimenti ordinari;
  • 3,575% per gli investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti (investimenti in tecnologie cd. “industria 4.0”).

Come funziona

  • Prima di tutto, l’impresa deve presentare richiesta di finanziamento ad una banca o ad un intermediario finanziario unitamente alla domanda di accesso al contributo ministeriale.
  • La banca (o l’intermediario finanziario), una volta deciso di concedere il finanziamento, adotta la relativa delibera e la trasmette al Ministero, unitamente alla documentazione presentata dall’impresa.
  • Il Ministero adotta il provvedimento di concessione del contributo, con l’indicazione dell’ammontare degli investimenti ammissibili e delle agevolazioni concedibili.
  • La banca (o l’intermediario finanziario) e l’impresa devono stipulare il contratto di finanziamento entro 30 giorni dalla consegna del bene.
  • Ad investimento ultimato, l’impresa deve inoltrare la richiesta di erogazione del contributo. Diversamente dal passato, ora il contributo viene erogato interamente in un’unica soluzione.
Questo sito web fa uso di cookies al fine di migliorare l'esperienza di navigazione.
Continuando ad utilizzare questo sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all'utilizzo dei cookies.
Maggiori informazioni sull'uso dei cookies